Divina Providencia Queen Imperial, Abrigo para Mujer GRIS

B01LZMH0R3

Divina Providencia Queen Imperial, Abrigo para Mujer GRIS

Divina Providencia Queen Imperial, Abrigo para Mujer GRIS
  • Tejido 1 90% Poliester 10% Lana Tejido 2 100% Poliester Forro 100% Acetato
  • Limpieza en seco
Divina Providencia Queen Imperial, Abrigo para Mujer GRIS Divina Providencia Queen Imperial, Abrigo para Mujer GRIS

A chi si applicano queste regole? 

  • Remonte Dorndorf botas estilo motero mujer negro
  • malito corto Bombacho Pantalón con Cinturón Baggy Aladin Boyfriend Sudadera 3416 Mujer Talla Única negro
  • L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati nasce all’indomani della Seconda Guerra Mondiale con il compito di assistere i cittadini europei fuggiti dalle proprie case a causa del conflitto. Sulla base di previsioni ottimistiche, il 14 dicembre 1950 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite istituisce l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) con un mandato di tre anni necessari per portare a termine il proprio compito e destinato poi a sciogliersi. Il 28 luglio dell’anno successivo viene adottata la  Convenzione delle Nazioni Unite relativa allo status dei rifugiati , base giuridica dell’assistenza ai rifugiati e statuto guida dell’attività dell’UNHCR.

    È nel 1956 che l’UNHCR affronta la sua prima emergenza importante, l’esodo che fa seguito alla repressione della rivoluzione ungherese da parte delle forze armate sovietiche. Da questo momento le aspettative sul fatto che l’organizzazione possa non essere più necessaria vengono meno. Negli anni ’60, il processo di decolonizzazione in Africa produce la prima delle numerose crisi di rifugiati del continente per la quale è richiesto l’intervento dell’Agenzia. Nel corso dei due decenni successivi l’UNHCR è impegnato nelle crisi che coinvolgono spostamenti forzati di popolazione in Asia e America Latina. Alla fine del secolo si verificano nuovi esodi di rifugiati in Africa e, come a chiudere il cerchio, anche in Europa, con nuove ondate di persone in fuga dalla lunga serie di conflitti balcanici.

    L’inizio del ventunesimo secolo vede l’UNHCR prestare la sua opera di assistenza nelle principali crisi di rifugiati in Africa – ad esempio in Repubblica Democratica del Congo e Somalia – e in Asia, in particolare nella trentennale questione dei rifugiati che coinvolge l’Afghanistan. Allo stesso tempo all’Agenzia viene richiesto di mettere a disposizione la propria competenza anche per assistere le numerose persone sfollate all’interno del proprio paese a causa di conflitti. Seppure in maniera meno evidente, l’UNHCR estende ulteriormente il proprio ruolo all’assistenza degli apolidi, milioni di persone che non godono di ampia visibilità e che rischiano di vedere negati i propri diritti fondamentali per il fatto di non possedere la cittadinanza di alcuno Stato. In certe parti del mondo, come in Africa e America Latina, l’originario mandato del 1951 viene rafforzato da accordi su strumenti giuridici a livello regionale.

  • Corsi
  • Viaggi e Mostre